Ricostruzione delle dune olandesi con il bisonte europeo

Ricostruzione delle dune olandesi con il bisonte europeo

Il Parco Nazionale Zuid-Kennemerland è oggi l’area delle dune costiere che ospita il bisonte nel nord dei Paesi Bassi.

Fino a pochi anni fa, il Parco Nazionale Zuid-Kennemerland era in gran parte aperto al pubblico, ad eccezione di un’area a sud che era tenuta chiusa. L’area chiusa era un sistema dinamico di dune, ma in assenza di grandi erbivori e persone, le dune stavano diventando sempre più vegetate. La vegetazione ha impedito alla sabbia di muoversi e le dune dinamiche sono state rese sedentarie. Ciò ha innescato l’idea di portare grandi erbivori per rimuovere la vegetazione e consentire alle dune di muoversi di nuovo liberamente.
Il progetto Il bisonte europeo in un di sistema di dune olandesi (https://rewildingeurope.com/rew-project/european-bison-in-a-dutch-dune-system/) è iniziato nel 2007 nell’ambito dei progetti di Rewilding Europe (https: // rewildingeurope.com), un’iniziativa paneuropea che opera in prima linea nel ricreare habitat naturali su scala europea.

Il progetto pilota consisteva nel riportare il bisonte europeo in un’area dell’Europa occidentale dove poteva vivere in modo naturale (ad es. senza fornitura di cibo aggiuntivo), insieme a cavalli Konik, bovini delle Highland, daini, caprioli e conigli, che erano già specie animali utilizzato in tutta l’Olanda per il pascolo naturale.
Il progetto è stato realizzato in una zona di dune costiere in cui le zone forestali si intrecciano con praterie e arbusti aperti, in particolare i tipi di habitat sono semi- prati aperti, arbusti, latifoglie e foreste di conifere.

Ma perché il bisonte?
L’iniziativa di rewilding mira alla riabilitazione della natura: il ripristino degli ecosistemi e delle loro catene alimentari. I bisonti europei sono noti come specie “chiave di volta” degli habitat che ingegnerizzano una grande biodiversità.

Notando l’invasione della vegetazione non autoctona, la colpa è stata attribuita al declino di una comune fonte di cibo: insetti specializzati che hanno bisogno di macchie di sabbia aperta per sopravvivere. I bisonti puliscono l’area, strofinandosi sul suolo, e con questo comportamento, durante tutto l’anno, creano diverse macchie locali di sabbia dove la vegetazione pioniera autoctona e gli insetti hanno di nuovo una possibilità di proliferare. Gli uccelli delle dune come il gufo comune, l’oriola d’oro e l’averla dal dorso rosso che andavano verso l’estinzione locale sono ora tornati.
Dal momento che scortecciano anche arbusti e alberi e incoraggiano la dispersione delle erbe autoctone attraverso il loro letame, i bisonti stanno essenzialmente riportando la biodiversità originale.

L’area del Parco Nazionale Zuid-Kennemerland dove ora vive il bisonte è l’area di 330 ettari che era chiusa al pubblico in passato. Ora, l’area è aperta al pubblico, con un sentiero che attraversa il recinto dei bisonti ed è aperto nei mesi invernali, quindi i turisti possono camminare e sperare di intravedere queste maestose creature tra gli avallamenti e le colline delle dune.

Il bisonte europeo è una delle due specie viventi di bisonte, l’altro è il bisonte del Nord America. Estinto in natura negli anni Venti, il bisonte europeo è tornato grazie a programmi di conservazione in tutto il continente, da un branco di 12 animali tenuti in cattività.

 Il progetto Il bisonte europeo in un di sistema di dune olandesi, conclusosi ufficialmente nel 2012, ha permesso di acquisire preziose conoscenze pratiche e scientifiche sugli aspetti ecologici dei bisonti come la composizione della dieta e l’utilizzo dell’habitat, anche rispetto a bovini e cavalli. Ha inoltre suscitato l’attenzione della stampa che a sua volta ha informato il pubblico sulle specie e ha promosso il Parco nazionale Zuid-Kennemerland come attrazione turistica per turisti-naturalisti.

Particolarmente importante per i programmi di conservazione europei dei bisonti è l’ampliamento dell’area dei bisonti e la crescita naturale della mandria.
Una serie di articoli di ricerca tratti dallo studio olandese di un branco di 22 bisonti che vivono a Kraansvlak, nei 330 ettari di dune e stagni naturali che fanno parte del parco nazionale Zuid-Kennemerland, mette ulteriormente in dubbio la convinzione che i bisonti europei siano creature che vivono nelle foreste, ora offrendo una valutazione più ottimistica delle possibilità di sopravvivenza del bisonte in nuovi ambienti europei.
Nel 2016, altri due siti olandesi di introduzione dei bisonti sono seguiti al progetto, dopo aver acquisito esperienza a Kraansvlak.
Le organizzazioni naturalistiche in Svezia, Svizzera e Regno Unito guardano con interesse e la conoscenza acquisita viene condivisa con progetti consolidati in Spagna, Francia e Germania.

E se il prossimo passo per la riqualificazione auto-sostenibile dei siti dunali di LIFE REDUNE contemplasse anche la creazione di parchi naturali popolati dai bisonti Europei?

 

References:

PROJECT European bison in a Dutch dune system: https://rewildingeurope.com/rew-project/european-bison-in-a-dutch-dune-system/

https://forpeoplefornature.com/2015/08/07/introducing-bison-in-the-dutch-dunes/

https://www.theguardian.com/environment/2018/may/28/return-of-the-bison-herd-makes-surprising-comeback-on-dutch-coast

https://www.dutchnews.nl/features/2018/02/the-bison-are-back-rewilding-the-dutch-dunes-brings-back-a-mega-beast/

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.